Home Servizi Carta d’identità, il Campidoglio lavora per altri open day. Gualtieri: “Eviteremo fai...

Carta d’identità, il Campidoglio lavora per altri open day. Gualtieri: “Eviteremo fai da te delle file”

147

Nel frattempo, spiega il sindaco, “stiamo lavorando per abbattere i tempi di prenotazione del canale ordinario, abbiamo già migliorato del 10%, siamo passati dai 116 agli 80 giorni”.

Non vogliamo fare un passo indietro ma un passo avanti”, parola del sindaco Gualtieri. Gli open day per il rilascio della carta d’identità elettronica si ripeteranno. Anzi, “diventeranno un secondo canale” tramite cui rispondere alle necessità dei cittadini in questo senso. Il primo cittadino è tornato sul tema durante convegno in Campidoglio “Roma a portata di mano – La città dei 15 minuti” al quale ha preso parte da remoto.

Lo scorso sabato, lo ricordiamo, è stato possibile per i romani recarsi in municipio per richiedere il documento d’identità senza alcuna prenotazione. Il risultato però è stato di centinaia e centinaia di cittadini che – dati i disagi continui tramite il procedimento ordinario – ne hanno approfittato, creando intoppi e lunghe file. Tanti non sono riusciti a ottenere il documento come invece era stato promesso. E le forze di opposizione si sono scagliate contro il sindaco e un’organizzazione generale giudicata pessima.

“C’è stata tantissima gente e ho chiesto scusa ai cittadini che hanno fatto le file e non sono riusciti ad avere la carta d’identità elettronica” ha commentato ancora il sindaco. “Per noi è una priorità, non possiamo aspettare che gradualmente con i tempi attuali tutti i romani abbiamo la Cie, purtroppo un po’ per la complessità del documento e un po’ per l’arretrato che abbiamo accumulato i tempi sono troppo lunghi”. Da qui la decisione di dare un’accelerata.

“Da una parte – spiega il sindaco – stiamo lavorando per abbattere i tempi di prenotazione del canale ordinario, abbiamo già migliorato del 10%, siamo passati dai 116 agli 80 giorni di attesa in media ma deve ancora calare drasticamente, dall’altro abbiamo deciso di introdurre un canale parallelo che è quello degli open day”. Che verranno in qualche modo “istituzionalizzati”. Ma, è la promessa, niente più file caotiche di ore fuori dagli uffici. “Stiamo cercando di lavorare per migliorare l’efficienza, evitando il fai da te delle file. In ogni caso non vogliamo fare un passo indietro ma un passo avanti in questo secondo canale. La Cie consente una piena digitalizzazione dei servizi e per noi è una priorità”.

Fonte: RomaToday

Articolo precedenteL’incubo di una sedicenne: conosce un uomo sui social, lui tenta di ucciderla
Articolo successivoStarbucks apre a Roma: ecco dove si trova il primo store