Home Servizi Orrore a Roma: nasconde il cadavere della mamma nel baule, era morta...

Orrore a Roma: nasconde il cadavere della mamma nel baule, era morta da tre mesi

182

Nella cassapanca c’è mamma”. Così un uomo ha gelato il sangue ai poliziotti intervenuti nell’appartamento dove viveva con la madre all’Esquilino. Una rivelazione choc, con il cadavere della donna in avanzato stato di decomposizione, nascosto nel baule della loro abitazione al centro di Roma da almeno tre mesi. Ad occultarlo il figlio, un 51enne con problemi psichiatrici.

Il macabro rinvenimento poco dopo le 19:30 di lunedì 31 gennaio in una casa che si trova sotto i portici di piazza Vittorio Emanuele II, nel cuore del quartiere multietnico del I municipio. Sul posto i poliziotti del commissariato Esquilino intervenuti per dare esecuzione ad una sfratto giudiziario a madre e figlio. Una volta nell’appartamento la confessione.

Il medico legale intervenuto nell’abitazione dell’Esquiilino ha quindi datato la morte dell’anziana 91enne, originaria di Reggio Calabria, ad almeno tre mesi. Messa la salma a disposizione dell’autorità giudiziaria sarà ora l’autopsia a chiarire le cause del decesso della donna, al momento l’ipotesi è quella della morte naturale. Sul corpo dell’anziana donna non sono infatti stati trovati evidenti segni di violenza.

Resta ora da comprendere se il figlio 51enne abbia occultato il cadavere dell’anziana a causa della sua condizione psichiatrica o se lo abbia fatto volutamente magari per continuare a riscuotere la pensione e non essere mandato via dall’appartamento della mamma.  L’uomo al momento non risulta indagato. Sequestrato l’appartamento. Sul caso indagano gli investigatori del commissariato Esquilino di polizia dopo i rilievi svolti dagli uomini della polizia scientifica nell’appartamento dell’orrore del centro della Capitale.

Cadavere in valigia a Pietralata

Scoperta choc del cadavere della madre morta nascosto in una cassapanca che fa tornare alla mente l’aprile dello scorso anno, quando la cronaca romana raccontò della morte di Luca De Maglie, 37 anni, il cui cadavere venne rinchiuso in un trolley e poi lasciato in piazza Federico Sacco, nella zona di Pietralata. A trovarlo alle prime luci del giorno i residenti.

I poliziotti intervenuti sul posto poi non fecero altro che seguire la scia ematica che fuoriusciva dalla valigia che dalla piazza li portò davanti l’appartamento di una donna, Alma Reale, 38 anni, che raccontò poi agli agenti di aver trovato il compagno morto e di aver usato delle buste di plastica e del nastro adesivo per tentare di nascondere il cadavere. Denunciata a suo tempo per occultamento di cadavere la donna venne poi trovata morta  nel luglio dello scorso anno alla stazione metro B Rebibbia a causa di una overdose.

Fonte: RomaToday

Articolo precedenteCosa ha fatto Roberto Gualtieri nei suoi primi cento giorni da sindaco
Articolo successivoCalano i ricoveri per Covid, ma il Bambino Gesù resta sotto pressione: 80 i bambini in ospedale