Home Notizie Domenica di fuoco a Roma: evacuate case e un ristorante

Domenica di fuoco a Roma: evacuate case e un ristorante

207

enti persone evacuate in via Salviati, 40 da un ristorante in via Collatina Vecchia, altre tredici all’Albuccione, poi oltre 50 vetture distrutte, e sei intossicati tra cittadini e agenti della polizia di Stato. È il primo bilancio della domenica di fuoco a Roma dove, soprattutto nel quadrante est della città e della provincia, vigili del fuoco, protezione civile e forze dell’ordine hanno lavorato per almeno dieci ore, incessantemente, per spegnere diversi incendi alimentati dal vento.

A bruciare anche cumuli di rifiuti abbandonati e pneumatici che hanno reso l’aria irrespirabile, con nubi di fumo nere, ben visibili a San Basilio, Colli Albani, Tor Sapienza, Ponte di Nona, La Rustica, ma anche lungo la Palmiro Togliatti, la Collatine e la Tiburtina.

Il maxi incendio a Roma est

Senza dubbio il rogo più impegnativo da domare è stato quello nei pressi del campo nomadi di via Salviati con il fumo che ha invaso l’A24, con rallentamenti all’altezza delle uscite Tor Cervara, Togliatti e via dei Fiorentini. A bruciare, tra l’altezza dell’ufficio immigrazione di Grotte di Gregna, via Salviati, via di Monte Buccalione e via Collatina Vecchia sono stati prima diversi cumuli di rifiuti e poi alcuni ettari di sterpaglie.

Il vento forte ha quindi reso difficile la gestione del rogo da parte di chi lo ha appiccato, dando così vita al caos vissuto da chi abita a Roma est. I soccorritori, che hanno lavorato per cinque ore (dalle 17) su questo fronte di fuoco, hanno fatto evacuare venti persone dal campo nomadi di via Salviati e altre quaranta da un ristorante-maneggio in via Collatina vecchia dove sono stati salvati anche due cavalli.

Come detto, non è stata una domenica semplice per gli uomini e le donne dei vigili del fuoco e della protezione civile anche perché l’incendio ha colpito anche uno “sfascio” con all’interno oltre 50 vetture andate completamente distrutte. Terribile l’odore di pneumatici e metalli bruciati. Il bilancio parla anche di sei intossicati (tre agenti e tre del campo di via Salviati).

I roghi a San Basilio e Tuscolana

Nelle stesse ore, altri tre incendi si sono verificati in città. Uno, dalle 16, in zona Tuscolana, prossimità via di Campo Romano. A prendere fuoco diverse sterpaglie. Anche qui gli agenti della polizia locale sono stati impegnati a mettere in sicurezza la zona con la momentanea chiusura delle strade interessate, mentre vigili del fuoco e protezione civile hanno domato il rogo. L’altro, sempre a Roma, intorno alle 18:30 nel territorio del IV Municipio, dove si è sviluppato incendio sterpaglie nell’area compresa tra  via Scorticabove e via Tanfo. Il terzo in via Anagnina.

Incendio ad Albuccione: 13 evacuati

Fiamme che hanno impegnato i soccorritori anche in provincia. Cielo rosso e arancione anche di notte all’Albuccione, nel comune di Guidonia tra Tivoli e Roma. Qui un vasto incendio si è propagato in serata in via Tiburtina Vecchia intorno alle 21, distruggento sterpaglie e la vegetazione a bordo strada, ma anche cumuli di rifiuti abbandonati in strada. Con il forte vento, le fiamme si sono sviluppate velocemente, interessando un’area molto ampia. Sul posto i vigili del fuoco, i carabinieri e la polizia di Stato fino all’una di notte. Tredici le persone evacuare dal campo nomadi dell’Albuccione e portate in una casa famiglia di Tivoli.

Fiamme anche a Santa Marinella

Fuochi di artificio, accesi durante una festa privata di un bambino di 10 anni, nel comune di Santa Marinella, hanno invece causato un incendio di circa 3 ettari. I fuochi di artificio sono stati fatti esplodere durante la festa di un bambino ma da lì è divampato un vasto incendio in un campo di sterpaglie adiacente alle abitazioni. Per lo spegnimento delle fiamme sono intervenuti personale della protezione civile e i vigili del fuoco. I carabinieri sono riusciti ad identificare la responsabile dell’accensione dei fuochi, una ragazza di 21 anni, la zia del festeggiato, che è stata denunciata a piede libero per incendio ed accensioni ed esplosioni pericolose.

Fonte: RomaToday